Habitat

PREMIO MAGGIA 2013, BIELLA

Il termine «mutualismo» descrive in biologia una particolare relazione simbiotica che intercorre tra due specie generalmente diverse per quanto riguarda dimensione, durata del ciclo vitale e grado di complessità. A differenza del parassitismo, nel quale la relazione porta vantaggio solo al parassita a scapito dell’ospite, la relazione mutualistica comporta un beneficio reciproco ad entrambi i soggetti coinvolti.

Mutualism describes in biology a specific symbiotic relationship between two species generally different in terms of dimension, life cycle duration and complexity. In contrast with parasitism, in which the relationship benefits only the parasite at the expense of the host, mutualistic interaction brings advantage to each individual involved.

Habitat è un invito a pensare alle strutture industriali dismesse come a dei grandi «ospiti» capaci di accogliere molti organismi architettonici più piccoli, caratterizzati da un ciclo vitale più breve e da un minore livello di complessità. Non è attraverso una riconversione funzionale su larga scala che si può a nostro parere risolvere il problema del patrimonio industriale dismesso, quanto piuttosto attraverso la coraggiosa sperimentazione di strategie di riuso temporaneo e flessibile, che dia la possibilità di utilizzare gli spazi vuoti a scopi produttivi riducendo al minimo gli investimenti iniziali.

Habitat is an invitation to think about disused industrial structures like big “hosts” able to contain many smaller architectural organisms, characterized by a shorter life cycle and less complexity. A large scale functional reconversion, in our opinion, can’t solve the disused industrial heritage problem, is rather through the courageous trial of temporary and flexible reuse strategies, that gives the chance to use vacant spaces for productive purposes reducing starting investments to the minimum.

La visione che proponiamo per la riattivazione delle strutture dismesse è quella di un’invasione di piccole e dinamiche startup produttive che sviluppino con i complessi industriali in disuso un «rapporto mutualistico» ricco di vantaggi reciproci. In presenza di un ambiente favorevole, le piccole strutture si moltiplicheranno rapidamente, si associeranno tra loro e, dando vita a nuovi scenari, aiuteranno le strutture ospitanti a uscire dalla loro crisi.

The vision we propose to reactivate abandoned structures is an invasion of small and dynamic productive startups that develop with unused industrial complex a “mutualistic relationship” full of reciprocal benefits. In the presence of a favourable environment, these small structures will rapidly increase, link between themselves, creating new scenarios, helping the hosting structures to overcome their crisis.

Il progetto ha ricevuto la menzione dalla giuria del “Premio Federico Maggia 2013 “, composta da Francesco Dal Co, Luisa Bocchietto, Paolo Piana, Michelangelo Pistoletto, Cino Zucchi.

The project received the honorable mention from the jury of “Premio Federico Maggia 2013 “, composed of Francesco Dal Co, Luisa Bocchietto, Paolo Piana, Michelangelo Pistoletto, Cino Zucchi.